Arriva la nuova carta d'identità elettronica

...

07/01/2019

Con il nuovo anno va in "pensione" la vecchia carta d'identità cartacea. Attenzione ai tempi e alle modalità di richiesta

ARRIVA LA NUOVA CARTA D'IDENTITA' ELETTRONICA! MODALITA' E NUOVI TEMPI DI RILASCIO
Dal 20 DICEMBRE 2018, la Carta di Identità viene rilasciata esclusivamente in formato digitale (CIE). La carta di identità cartacea in possesso dei cittadini continua ad avere validità sino alla sua naturale scadenza.

  •  Dove si richiede?

La nuova CIE può essere richiesta presso lo sportello anagrafe in Municipio negli orari di apertura, dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12.30 e il mercoledì anche dalle 15 alle 18.30. Il cittadino dovrà recarsi personalmente all’ufficio Anagrafe del Comune di San Martino in Strada (non è richiesto un appuntamento) munito di: 
- carta di identità scaduta, in scadenza, deteriorata, che sarà ritirata; 
- n.1 fototessera recente su supporto cartaceo; 
- tessera sanitaria/codice fiscale.
In caso di smarrimento o furto occorre consegnare anche i seguenti documenti:
− denuncia presentata ai carabinieri o al Commissario di Polizia;
− altro documento di riconoscimento con fotografia oppure due testimoni;
Per il rilascio del documento saranno rilevate le impronte digitali. Per i minori è necessaria la presenza contemporanea di entrambi i genitori.

  • Quando si richiede?

Si richiede nelle seguenti ipotesi: 
− a partire da 6 mesi prima della data di scadenza di quella in corso di validità;
− in caso di furto, smarrimento, deterioramento, anche prima dei 6 mesi della scadenza.
Il cambio di residenza o dell’indirizzo non comportano la sostituzione o l’aggiornamento della carta di identità che continua ad avere validità fino alla naturale scadenza.

  • Dove verrà recapitata?

A differenza di quella cartacea, la CIE non può essere rilasciata immediatamente.
Il cittadino riceverà la CIE in Municipio entro il 7° giorno lavorativo dalla richiesta effettuata allo sportello anagrafe. La stampa e la spedizione della CIE sono infatti riservate alla competenza dell’Istituto Poligrafico e Zecca di Stato a Roma e non ai Comuni. 

  • Quanto costa?

Il costo complessivo della CIE è di € 22.00 in caso di rinnovo nei tempi previsti o di primo rilascio. In tutti gli altri casi (furto, smarrimento, deterioramento) il costo è di € 27.00.
L’importo deve essere versato allo sportello contestualmente alla richiesta di rilascio. 

  • A cosa serve e come è fatta?

Oltre ad indicare la persona, la CIE può essere utilizzata per:
− richiedere un’identità digitale sul Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID). Tale identità, utilizzata assieme alla CIE, garantisce l’accesso ad alcuni servizi erogati dalle Pubbliche Amministrazioni;
− viaggiare in tutti i Paesi UE e in quelli extraUE con cui lo Stato Italiano ha sottoscritto specifici accordi.
La CIE è realizzata in materiale plastico, dalle dimensioni di una carta di credito ed è dotata di elementi di sicurezza e di un microchip a radiofrequenza (RF) che memorizza i dati del titolare (codice fiscale, dati di residenza, cittadinanza, data del rilascio e di scadenza, ecc.) e va pertanto conservata con cura, al riparo dai raggi solari o da fonti di calore.

  • Validità

La durata varia a seconda dell’età del titolare, il giorno di scadenza coinciderà con quello del proprio compleanno successivo:
− 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
− 5 anni per minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
− 10 anni per i maggiorenni.

  • ATTENZIONE:

Considerati i tempi di consegna della nuova CIE, è necessario che i cittadini richiedano in anticipo l’emissione del nuovo documento elettronico dato che non sarà più possibile il rilascio “immediato” della carta di identità. 
La precedente carta di identità cartacea, salvo casi eccezionali, non potrà più essere rilasciata, fatta eccezione per quanto previsto dalla Circolare del Ministero dell’Interno n. 4 del 31.03.2017 ovvero nei casi di reale e documentata urgenza per motivi di salute, viaggio (esibire biglietto aereo), consultazione elettorale, partecipazione a concorsi o gare pubbliche, nonché ai cittadini iscritti all’AIRE.