La visita del nuovo Prefetto alla comunità di San Martino

«Percepisco un forte senso di appartenenza»

Data di pubblicazione:
18 Luglio 2022
La visita del nuovo Prefetto alla comunità di San Martino

Ha cominciato la visita nei comuni lodigiani proprio da San Martino. E San Martino l’ha accolto con piacere a braccia aperte, dandogli il benvenuto sul territorio e portando alla sua attenzione le problematiche di tutti i giorni. La scorsa settimana il nuovo Prefetto di Lodi dott. Enrico Roccatagliata è arrivato in visita istituzionale presso il nostro comune: un breve colloquio privato con il sindaco e poi una “chiacchierata” dal tono amichevole e cordiale con gli Amministratori, il personale comunale e gli esponenti della comunità religiosa, civile e militare. «Sono arrivato da poco nel lodigiano - il commento di Roccatagliata in sala consiliare -, ma ho notato da subito un forte radicamento alle proprie origini e un forte senso di appartenenza. Queste sono qualità tipiche dei piccoli centri, molto orgogliosi della propria storia e della propria tradizione. Noto con piacere che anche qui a San Martino si respira questa aria di familiarità e di cordialità». Il sindaco Andrea Torza ha cercato di fornire al più alto rappresentante del Governo centrale sul territorio una fotografia di San Martino: facendo riferimento alla grande operosità dei suoi cittadini e alle tante associazioni e volontari che operano sul territorio. Al tempo stesso Torza ha chiesto al Prefetto di farsi portavoce nei confronti del Governo di alcune tra le problematiche più importanti con le quali tutti i giorni bisogna fare i conti: «La prima è senza ombra di dubbio quella sociale: la pandemia rischia di avere degli effetti collaterali a onda lunga che dobbiamo essere pronti ad affrontare. A questo si collega anche il problema del lavoro, parecchio sentito soprattutto per i nostri giovani. A tal proposito mi sento di chiedere anche una profonda riforma in materia di assunzioni per le pubbliche amministrazioni: servono forze nuove e forze fresche per far sì che gli enti locali siano davvero un propulsore straordinario per questa ripresa. Solo così potremo guardare alle risorse previste come un investimento di cui un domani potranno godere i nostri figli. Dobbiamo poter assumere, abbiamo la necessità che alcuni assurdi vincoli assunzionali vengano rivalutati e tarati per quello che è il contesto attuale, abbiamo bisogno di nuove professionalità e di sistemi pensati ad hoc per poter essere pronti a sfruttare tutte le opportunità che si presentano. In ultimo, ma non per importanza, vorrei porre alla sua attenzione il tema inerente la scuola e le politiche giovanili: cerchiamo sempre di dare il massimo in ambito scolastico con un piano di diritto allo studio che ogni anno stanzia circa 300.000 € per le scuole. I nostri ragazzi sono il futuro e dobbiamo poter avere la forza necessaria per offrire loro il meglio». «I vostri problemi sono i problemi di gran parte dei sindaci di questa epoca - chiude Roccatagliata -, ma garantisco che mi farò da portavoce delle vostre istanze. Tutto questo mi fa capire però che San Martino è un paese laborioso, dove vive ancora forte il senso di famiglia e di comunità».

Ultimo aggiornamento

Lunedi 18 Luglio 2022