Al via da questa settimana #nonlospreco

...

05/11/2019

Il cibo non somministrato delle mense scolastiche andrà ai più bisognosi

Un impegno comune per ridurre gli sprechi alimentari e provare a dare un segnale forte agli alunni delle scuole. È partita lunedì l’iniziativa “#nonlospreco”, attraverso la quale l’Amministrazione Comunale e la ditta incaricata del servizio di refezione delle scuole, si impegnano a consegnare i pasti non conferiti ai più bisognosi, in questo caso alla Caritas di Lodi. «Già prima la ditta Volpi che si è aggiudicata il sevizio di refezione scolastica prestava molta attenzione alle dosi e alle quantità dei cibi che conferiva presso le nostre mense - spiega l’assessore alle politiche sociali Jessica Pandini -, ma è chiaro che è impossibile essere precisi al milligrammo visto che le variabili sono numerose. Ci sono giorni nei quali i bimbi mangiano di più determinati alimenti e altri invece meno, ci sono le assenze dei ragazzi e molto altro ancora. Quindi è chiaro che qualcosina avanza sempre. Ecco perché assieme alla ditta Volpi abbiamo pensato a questa nuova iniziativa, che è partita lunedì in via sperimentale e che cercheremo di far diventare una buona abitudine». Si tratta di un periodo di prova proprio perché le parti dovranno trovare il giusto equilibrio in queste settimane: «La nostra Caritas in paese non può gestire i cibi freschi - continua la Pandini -, così sono stati proprio i volontari sanmartinesi a indirizzarci verso la Caritas di Lodi. Abbiamo già preso accordi: un incaricato ogni giorno al termine del servizio di refezione attorno alle 14 verrà a ritirare il non somministrato, che verrà consegnato in porzioni da riscaldare per la sera». Un modo per ricordare anche agli alunni delle scuole il valore del cibo: «Parleremo del progetto anche ai nostri ragazzi a scuola: è un piccolo seme che gettiamo e speriamo porti frutti. Ci proviamo: se anche solo avremo fatto riflettere una persona sull’importanza di non consumare, allora avremo vinto la scommessa. Ce la metteremo tutta».